Addetti ai lavori

Dalla Fiera del libro per ragazzi di Bologna/II

17 marzo 2012
Dalla Fiera del libro per ragazzi di Bologna/II

di Sergio Rotino Se la 49esima edizione della Fiera del libro per ragazzi di Bologna, che tiene banco dal 19 al 22 marzo, continua a essere un luogo per soli addetti ai lavori o per chi si può permettere un biglietto dai costi non proprio light, inutile disperarsi. Anche perché alcune delle cose che accadono all’ombra dei padiglioni fieristici, hanno un loro quasi doppio in città.  BOLIBRÌ Per esempio in Bolibrì. L’iniziativa che, dal 17 al 25 marzo, con orario non stop 10-21 fa respirare, prima, durante e dopo, un po’ dell’aria fieristica, senza costi. Questo perché Bolibrì è il bookstore della Fiera, quindi la sua lunga mano, il suo volto meno affaristico e più comunicativo. Al contrario di tutte le iniziative a ingresso gratuito, Bolibrì sembra non aver sofferto per questa edizione 2012 di un impoverimento nell’offerta generale. Ma essendo essenzialmente una vetrina creata dalla Fiera del libro per ragazzi in collaborazione con Librerie Feltrinelli e con il patrocinio dell’AIE (Associazione Italiana Editori) è logico sia così. E quindi, nei suoi 400 metri quadri espositivi ecco circa 2500 titoli appartenenti a 200 editori italiani e stranieri più una scelta di dvd di animazione, giochi didattici e strumenti musicali, che…

Read more »

Stilos segue il Bologna children’s book fair

15 marzo 2012
Stilos segue il Bologna children’s book fair

dal nostro corrispondente Sergio Rotino Pochi giorni ancora e dal 19 al 20 marzo Bologna ospiterà la 49esima Fiera internazionale del libro per ragazzi il Bologna children’s book fair, in piazza Costituzione 6. Il comunicato stampa dell’Ente fiere di Bologna snocciola dati simili a quelli dello scorso anno in quanto a presenza di operatori e case editrici. Quindi, ancora 1200 espositori per 66 paesi. Cifra ragguardevole, che al solito fa immaginare, spalmata su una superficie di 20000 metri quadri e dentro quattro padiglioni, una enorme potenza di fuoco a livello di sole proposte editoriali. Bene, direte, ci portiamo i ragazzi, così possono farsi un’idea di quanto nel mondo si propone per loro. Toglietevelo dalla testa. Come ogni anno si reitera l’assurdo di una fiera dedicata al libro per ragazzi in cui i destinatari naturali non possono partecipare. La Fiera è di fatto per soli addetti al settore, costruita per decidere cosa andrà dato in pasto ai giovani lettori, ma senza consultarli, senza far loro toccare con mano il qui e ora e il qui e poi della letteratura che troveranno nelle librerie. Poi, in realtà, se qualcuno fa il suo bravo, oneroso biglietto, e si spaccia per illustratore o anche…

Read more »

Il fumetto alle prese con le immagini di confine

29 febbraio 2012
Il fumetto alle prese con le immagini di confine

di Sergio Rotino È un festival internazionale del fumetto, BilBOlBul, ospitato per la sua sesta edizione a Bologna dall’1 al 4 marzo prossimi. Quindi niente mostra mercato, ma esposizioni, incontri, conferenze, proiezioni e laboratori, per un pubblico praticamente senza età. Da sempre a cura dell’associazione culturale Hamelin, BilBOlBul si è contraddistinto nel corso degli anni per la forte attenzione agli autori di fumetto e alle loro opere. Se da una parte ha dato ampio spazio ai maestri di quest’arte, dall’altra non ha mai smesso di guardare all’innovazione grafica che la innerva e alla trasversalità di molte produzioni per quanto riguarda la contaminazione con altri linguaggi. Insomma BilBOlBul dichiara anno dopo anno una forte curiosità verso la ricerca attiva nel fumetto, senza mai però dimenticare l’aspetto ludico e quello divulgativo, soprattutto verso le fasce di popolazione più giovane. «Sono loro il nostro futuro» ha avuto modo di dire Edo Chieregato di Hamelin, sottintendendo che bisogna formare le nuove generazioni affinché il fumetto possa esistere ed evolvere ancora. Tutto quanto si è detto, continua a essere presente in questa sesta edizione che, promossa da una miriade di Enti pubblici e privati – segno sì di interesse crescente, ma anche di una crisi…

Read more »

Un ricordo personale di Vincenzo Consolo

22 gennaio 2012
Un ricordo personale di Vincenzo Consolo

La redazione si unisce al cordoglio del direttore Gianni Bonina per la morte di Vincenzo Consolo, da sempre amico di Stilos. di Gianni Bonina Enzo è morto aspettando i Meridiani Mondadori della sua opera. Ci teneva al punto da accantonare la colpa di dover accettare che Mondadori fosse proprietà di Berlusconi. Teneva in particolare al privilegio di poter appartenere al ristretto numero di autori che in vita hanno avuto l’onore di intestare un Meridiano. Non ce l’ha fatta. Né Segrate, sapendo della malattia, ha accelerato i tempi per esaudire l’ultimo suo grande desiderio. Stava scrivendo un romanzo Enzo e circa due anni fa mi telefonò per avere un’indicazione toponomastica che riguardava la Sicilia, segno che ancora una volta era della Sicilia che voleva narrare. Gli chiesi se era possibile saperne di più e mi rispose che me l’avrebbe detto volentieri, ma ero un giornalista. In realtà non mi aveva perdonato la volta in cui, interpretando un suo sfogo, scrissi un articolo con un titolo nel quale gli feci dire una cosa che non gli piacque: «Basta, non scrivo più». Con il suo tono più personale, tra sarcastico e ironico, la volta in cui mi chiamò, mi notificò praticamente una smentita:…

Read more »

Gli amici con i pennacchi

17 luglio 2010
Gli amici con i pennacchi

di Gianni Bonina «Levateje er vino» avvertiva qualche settimana fa Costanzo, nelle sue svaporate “Notti mondiali”, di un ospite che le diceva di testa. Pur avendole fatte di pancia, nessuno ha però pensato di consigliare agli amici della domenica di privarsi dello strega, cosicché quest’anno si sono fatti cogliere a barcollare lungo i muri del Ninfeo con tanti «pennacchi» in capo come cappelli di lucignolo. L’hanno fatta grossa davvero. O forse no: perché lo Strega è un liquore distillato secondo formule confidate dalle streghe di Benevento, capitale della magia, e le alchimie che liofilizzano le sue settanta erbe altro non mascherano che le strategie che tantalizzano gli oltre quattrocento giurati di Villa Giulia. “Gli Amici della domenica” sono detti (come gli scrittori che si dilettano nelle feste comandate), ma in verità le domeniche non sono meno di venti: le settimane nelle quali gli uffici stampa delle case editrici – e chi altri ne abbia interesse – li blandiscono con vere e proprie forme di stalking. Amici di chi poi? Delle case editrici senz’altro, se però queste sanno irretirli (né mancano loro i mezzi per persuadere figure – quali scrittori, giornalisti, artisti e critici – che sono tra le più esposte…

Read more »

Facebook Fans