Posts Tagged ‘ Lidia Gualdoni ’

Beat Leukemia. Una recensione dal cuore

13 luglio 2012
Beat Leukemia. Una recensione dal cuore

di Lidia Gualdoni Credo che ciascuno di noi auguri a se stesso e ai propri cari un’esistenza lunga, serena e all’insegna della salute, ma per quanto si rifugga l’idea della malattia e della morte, esse fanno parte della vita stessa, anche se parlarne può sembrare fuori luogo e può provocare fastidio o spavento. Spesso chi si ammala subisce uno shock: non conosce la malattia e, oppresso dall’incredulità e dallo sconforto, si chiede perché sia capitato proprio a lui.  I dubbi sono molti: che cosa succederà d’ora in avanti? Sarò nelle mani giuste? Mi sono affidato alla struttura più adeguata? Non ci sono alternative alle terapie proposte? Purtroppo non tutti i medici forniscono le necessarie informazioni, così che la comunicazione col paziente e con i parenti avviene spesso in modo frammentario, impreciso e senza le dovute cautele. Tutto ciò viene amplificato nel caso in cui la malattia è la leucemia, ancora un tabù per la maggior parte delle persone: se ne parla a bassa voce, si commenta la disgrazia con un “speriamo che con le nuove terapie si possa curare”, ma, in fondo al cuore, si è sollevati dal fatto che non sia capitato a noi. Forse solo chi ci è…

Read more »

La più grande ritrattista di tutti i tempi

28 giugno 2012
La più grande ritrattista di tutti i tempi

di Lidia Gualdoni Considerata una proprietà, trattata come un essere inferiore, incapace a svolgere alcune attività, anche in campo artistico, la donna, nel corso della storia, ha spesso dovuto lottare per potersi affermare. Per fortuna, anche senza adeguati strumenti e spazi per la loro arte, anche se nulla era loro concesso facilmente, alcune donne hanno potuto esprimere pienamente il loro grande potenziale, raggiungendo livelli di indubbia eccellenza. E’ questo il caso di Rosalba Carriera, definita “la più celebre ritrattista di tutti i tempi”,  un’artista che osò sfidare le convenzioni di un’epoca, il XVIII secolo, che “relegava la donna a ruolo di moglie e di madre, o di cortigiana”. Ci racconta la sua avventura Valentina Casarotto, docente e storica dell’arte, in un libro, Il segreto nello sguardo (Angelo Colla Editore) che ha, insieme, il fascino dell’autobiografia, le atmosfere del romanzo storico e il lirismo del diario più intimo. Il prologo prende il via dalla tragedia che l’ha colpita: “Sono morta. Non perché il soffio della vita abbia abbandonato le mie spoglie mortali, rese grevi e appesantite dal morbo, ma perché mi sto appressando a una fine ben più dolorosa della morte. Il destino beffardo, come un amante tradito, sa dove colpire…

Read more »

Smarrimento

23 maggio 2012
Smarrimento

di Lidia Gualdoni Dopo il grandissimo successo del primo romanzo pubblicato in Italia, Il profumo delle foglie di limone, l’autrice spagnola Clara Sáncez si ripresenta ai suoi lettori con La voce invisibile del vento (Garzanti). Senza rinunciare ad una scrittura chiara, lineare, ma allo stesso tempo poetica ed evocativa, propone una storia dove, ancora una volta, l’apparente quotidianità della vita di ogni giorno nasconde una realtà ben più complessa e risvolti spesso drammatici. Julia è responsabile dei camerieri al bar-caffetteria dell’hotel Plaza a Madrid; il turno pomeridiano che è riuscita ad ottenere le permette di occuparsi del piccolo Tito fino a quando Felix, il marito, non rientra dall’agenzia di assicurazioni per la quale lavora. Dalla nascita del bambino, e anche prima, durante la gravidanza,  Julia si sente sempre stanca: vitamine e caffè non fanno effetto ed il sonno ha avuto la meglio anche per quasi tutto il viaggio verso il mare, verso l’appartamento che Felix ha prenotato su Internet in un grande complesso residenziale sulla costa meridionale spagnola. Il paesino dove hanno programmato di trascorrere alcune settimane di villeggiatura assomiglia a molti altri: c’è un castello, ci sono diversi grandi supermercati, un porto con pescherecci e piccole barche, il mercatino,…

Read more »

L’amore è una terra straniera

23 aprile 2012
L’amore è una terra straniera

di Lidia Gualdoni Fra alcune “reliquie” che l’ormai sessantenne Leo Colston trova in una scatola forse riempita anni prima dalla madre, c’è anche un diario dalla copertina di cuoio rosso di cui sembra non ricordarsi.  Gli basta però sfiorare con le dita la serratura metallica a combinazione per aprire il lucchetto e per avere la folgorante rivelazione del segreto in esso contenuto, insieme ad un messaggio di delusione e sconfitta: «“…sentivo un misto amaro di autocommiserazione e rimprovero e che, se non fosse stato per il diario, o per ciò che il diario significava, tutto sarebbe stato diverso. Non sarei stato qui, seduto in questa stanza tetra e senza colori, dove le tende non erano state nemmeno tirate per nascondere la pioggia fredda che batteva contro le finestre, a contemplare l’accumulo del passato e lo sforzo necessario per farlo riemergere. Avrei dovuto trovarmi in un’altra stanza, illuminata dall’arcobaleno, a guardare non il passato ma il futuro: e non avrei dovuto essere solo».  Comincia così – o, meglio, comincia con un incipit assai più famoso da essere conosciuto anche da chi non ha letto l’intero libro: “Il passato è una terra straniera; fanno le cose in modo diverso laggiù” – il…

Read more »

Dillo coi fiori

3 aprile 2012
Dillo coi fiori

di Lidia Gualdoni Ci sono molti modi per esprimere i propri sentimenti: uno di questi è sicuramente attraverso un dono, a maggior ragione se si tratta di un fiore. Esiste infatti un linguaggio dalle dettagliate e molteplici possibilità espressive che risale al periodo vittoriano e che è stato riportato all’attenzione del lettore moderno da un romanzo di grande successo, Il linguaggio segreto dei fiori, di Vanessa Diffenbaugh.  Ispirato dunque a questo romanzo è stato pubblicato, sempre da Garzanti, I messaggi segreti dei fiori, di Mandy Kirby, una specie di manuale per trovare il fiore perfetto che esprima le nostre emozioni anche nel caso di un regalo.  Nell’introduzione, firmata della stessa Diffenbaugh, viene ribadito il ruolo centrale dei fiori nelle esperienze umane in ogni cultura e in ogni tempo: nonostante i loro significati siano diversi da paese a paese, essi sono presenti nelle tradizioni e nei rituali più significativi. Ma cos’è esattamente che ci attrae nei fiori? Forse è il modo semplice in cui incarnano il ciclo vitale; oppure le loro fragranze, i loro colori; o, ancora, il coraggio dimostrato da alcuni di essi nello sfidare le condizioni di vita più impervie. Sono queste le considerazioni che stanno alla base del…

Read more »

Facebook Fans